Favole
La giraffa Carolina e la zebra Bobò

La giraffa Carolina e la zebra Bobò

La giraffa Carolina e la zebra Bobò vivono nella savana ma non si sono mai incontrate. Niente di strano: la savana è così grande! Gli animali vivono in famiglia, tra i baobab giganti, le erbe alte e sotto le acacie che fanno da parasole.
 Quando hanno sete vanno al grande stagno: lì possono bere ma anche divertirtsi tanto.
 Gli elefanti si fanno la doccia l'un l'altro; gli ippopotami, invece, fanno il bagno di fango. Quanto alle gazzelle, poi, si divertono danzando.
 Inutile parlare dei leoni che ruggiscono molto forte, ma hanno sempre l'aria addormentata, né dei bufali, delle zebre e delle giraffe che non fanno amicizia con nessuno.
 La famiglia della zebra Bobò è una delle più numerose della savana: è molto unita e tiene sempre i più piccoli al centro del gruppo.
 Povera Bobò, non vede altro che delle strisce bianche e nere! E per tutta la giornata si sente ripetere da zii e cugini: - Bobò fai questo, Bobò non fare quello!
 Per fortuna Bobò ha un buon carattere, ma ormai ne ha abbastanza di vedere solo righe!
 Ah, se un'occasione si presentasse! Lascerebbe senz'altro il branco e se ne andrebbe il più lontano possibile.
 Carolina, la giraffa, ha altri problemi. Cresciuta troppo in fretta, ha già superato di tutta la testa i suoi cugini che non smettono mai di prenderla in giro.
 In gran segreto Carolina ha chiesto a degli animali saggi:
 - Siete mai andati in questa foresta che si vede laggiù?
 - No. Tutti dicono che è impenetrabile e pericolosa.
 - Io andrò! - decide Carolina. E l'indomani, dopo aver bevuto abbastanza per tutta la giornata, si mette in cammino.
 Bobò, da parte sua, sempre circondata dalla sua famiglia attende la buona occasione.
 Questa mattina, due gnu barbuti sono molto arrabbiati e stanno litigando con gran rumore. Le gazzelle fuggono spaventate mentre gli altri animali accorrono per vedere lo spettacolo.
 Bobò si trova all'improvviso sola senza aver ben capito cosa sia successo. Il momento tanto atteso è arrivato. Parte al galoppo e si ferma a riprendere fiato solo quando arriva dietro un grosso baobab.
 Bobò non ha fatto un piano di fuga... è così piccola! Si dirige verso la foresta nella speranza di trovare amici straordinari.
 Carolina, intanto, con le sue gambe lunghe è già lontana... Ma Bobò non ha tenuto conto delle erbe alte che le fanno perdere l'orientamento... e in poco tempo non sa più dove andare.
 Fortunatamente, un uccellino, dalle piume di mille colori, le passa vicino e incuriosito di vederla sola, le chiede:
 - Ti è successo qualcosa?
 - Credo di essermi smarrita - gli risponde Bobò, - l'erba è così alta che non vedo più la foresta dove volevo andare.
 - Stai tranquilla e seguimi, ti farò strada io - si offre gentilmente l'uccellino.
 Sta scendendo la sera... uscita dall'erba alta Bobò è molto stanca ma continua il suo cammino. L'uccellino è volato avanti verso i confini della foresta per annunciare ai suoi amici l'arrivo di un ospite straordinario. Tra le scimmie e gli altri uccelli molto eccitati: qualche ora prima una giraffa molto graziosa è arrivata, decisa ad esporare la foresta. Saltando da un ramo all'altro e parlando tutte insieme le scimmie commentano le novità. Un grosso scimpanzé che sembra essere il capo, chiede finalmente un po' di silenzio: - Se queste signore ci fanno l'onore di una visita, dobbiamo fare molta attenzione che niente di brutto possa loro capitare.
 A Carolina hanno fatto un'accoglienza straordinaria: ammirata, vezzeggiata... mai la giraffina si è sentita così felice. Poi con un po' di fatica è riuscita ad entrare nella foresta per cercare un posto per dormire. Quando infine Bobò arriva dormono già tutti, meno una vecchia scimmia:
 - È per di là che la tua compagna giraffa si è diretta! - Schiaffeggiata dalle liane, graffiata dai rami, Bobò riesce a raggiungere una piccola radura. Ma all'improvviso sente mancare il terreno sotto gli zoccoli e si ritrova in un buco scuro. Una voce molto dolce la conforta: - Ti sei fatta male? Sicuramente sei Bobò, la piccola zebra! - Rassicurata Bobò capisce che si tratta di Carolina. Domani, all'alba, gli animali della foresta verranno ad aiutarci ad uscire di qui. - E le due piccole esploratrici si addormentano felici.
 All'indomani, tutto si svolge come Carolina aveva previsto.
 Le scimmie arrivano numerose con delle lunghe liane e sotto gli ordini del grosso scimpanzé, il salvataggio riesce con pieno successo.
 Le scimmie hanno spinto, tirato, aiutato... è stato molto divertente: Carolina e Bobò non sanno come ringraziare!
 Il capo scimpanzé, circondato dal gran consiglio, ha riflettuto a lungo: è meglio che Bobo e Carolina ritornino nella savana perché per poter vivere nella foresta ci si deve saper arrampicare sugli alberi o almeno volare!
 E così le nostre due amiche riprendono il cammino della grande prateria. Ma non riuscirei mai a raccontarvi per intero le feste che hanno ricevuto prima di ritornare e di quanto erano contente di essersi incontrate.