Logo Splash Favole
Favole
 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Il mio giardino

Il mio giardino

Il papà di Silvia ha comperato una casa in campagna. Per raggiungerla occorre attraversare il ponte sul fiume e girare a destra.
 Davanti alla casa c'è un grande giardino. L'erba è alta. L'edera e il muschio hanno ricoperto il pozzo.
 Bisognerà tagliare la siepe, piantare i fiori per la primavera, spargere la ghiaia davanti al viale e rastrellare le aiuole.
 Silvia e Roberto si sono messi all'opera.
 A cosa serve la zappa? - A estirpare le erbe cattive che poi bruceremo. Papà dice che se le lasciamo crescere soffocheranno le piantine buone.
 - Vado a mettermi i vecchi guanti di mamma per togliere le ortiche, così non mi pungeranno.
 - Ora aggiustiamo il ciottolato. Bisognerebbe mettere alcune pietre.
 - Non è carino? - dice Roberto tutto intento a sistemare tra l'erba un sentiero di ciottoli. -
 Dopo aver fatto questo, pianteremo dei bucanevi, delle giunchiglie, dei narcisi e degli anemoni, quelli che ci ha regalato la mamma.
 Roberto è salito sulla carriola.
 - Cosa fai lassù? - chiede Silvia.
 - Non lo vedi, taglio il cespuglio.
 - Com'è buffo, assomiglia al cagnolino Patapuf!
 - Che meraviglia, perbacco! Guarda Patapuf com'è fiero!
 L'erba è già arsa dal sole.
 - Rimane ancora un sacco di semenza laggiù al capanno - dice Silvia.
 - Andiamo a cercarlo e seminiamolo. Chi sarà più sorpreso quando spunterà l'erbetta verde? Certamente papà.
 Dopo aver seminato l'erba, bisognerà passare il rullo sulla terra affinchè si possa ben radicare.
 - Sarebbe bello seminare qualche fiore vicino al vecchio pozzo.
 - Ho un'idea - dice Silvia. -Andiamo a cercare la terra.
 - Perchè?
 - Per fare un'aiuola, dove pianteremo dei tulipani, delle viole del pensiero e delle salvie.
 Si mettono al lavoro
 - Attenta. la carriola affonda! Cosa si fa?
 - Mettiamo una tavola di legno e dei sassi.
 In fondo al giardino scorre un ruscello.
 - Facciamo uno sbarramento - propone Silvia. - L'acqua salirà e noi sistemeremo un piccolo stagno con una cascatella.
 - Qui poi faremo un'insenatura con della sabbia.
 - Credi che potremo pescare delle trote tra le ninfee?
 - Naturalmente, perchè no! Le trote vivono nei fiumi dove vi è molta corrente.
 - Allora compreremo dei pesciolini rossi e li metteremo nel nostro stagno.
 - Potremo pure allevare delle papere se papà vorrà acquistarne qualcuna - suggerisce Roberto.
 Dove piantare il piccolo abete che il giardiniere ha regalato a papà?
 Là, accanto al muricciolo, sarà al riparo dalla neve quando verrà l'inverno.
 Ma no, crescerà e avrà bisogno di spazio. Sarà un magnifico abete azzurro che non temerà nè il freddo nè il vento.
 E quando il lillà perderà tutte le sue foglie, l'abete di Silvia sarà ancora molto bello. Decidono di piantarlo in mezzo al giardino e lo fissano bene con della terra affinchè possa crescere ben dritto.
 Quest'anno l'inverno è in anticipo. Per tutta la notte è caduta la neve. i bambini si divertono a scopare la terrazza e a sbarazzare il camino.
 Quando tornerà la primavera ci si accorgerà che nel giardino tutto è rinnovato. Infatti tra i ciottoli, i bucanevi agitano le loro campanule.
 Gli anemoni aprono le loro corolle. Le giunchiglie, i narcisi e i tulipani fioriscono contemporaneamente. Toh ecco la prima farfalla. Va, torna, vorrebbe posarsi in una sola volta su tutti i fiori... È da molto che sogna di volare nel giardino di Silvia!
 Lungo il bordo del sentiero la formica esce dal suo buchetto. Corre a destra, a sinistra. Pensate che una formica non abbia nulla da fare? Il merlo canta. Patapuf fa delle capriole. Il gatto del vicino annusa il tipo e la menta. Ognuno è in festa. Ma quanta fatica per render bello il giardino!
 - Ora, - dice Silvia, - andremo a prendere nel capanno il tavolo di ferro e le sedie e li metteremo sulla terrazza.
 - Sì, ma occorrerà ridipingere il tavolo.
 - Ecco un vaso di pittura bianca.
 Mentre Roberto prepara la pittura, Silvia è andata a cercare il parasole, le sedie in ferro ed il cavallo di legno per il fratellino più piccolo.
 Sulla terrazza vi è un magnifico glicine.
 È un posticino gradevolissimo per giocare quando il tempo è bello.
 Sul manto di verde i bimbi hanno messo la carriola con dei gerani.
 - Ora vado a falciare l'erba, - dice Roberto. - Papà ha appena sistemato le lame della tosatrice.
 - Cosa faremo quando l'erba sarà falciata?
 - La raccoglieremo con il rastrello.
 - Ne faremo un grosso mucchio e poi la metteremo in un cesto... per donarla ai conigli del contadino.
 - Papà sarà molto contento quando vedrà il lavoro finito.
 In estate il sole brucia, la terra è arsa. Gli insetti vanno a nascondersi sotto le pietre... ad eccezione delle lucertole e delle farfalle.
 Tra i ciottoli, i cactus ergono le loro spine.
 - Guarda quello che forma strana! È sicuramente malato per il troppo caldo!
 - Ma no, i cactus amano il sole, pare ve ne siano di grossi così nei paesi caldi.
 - Mettiamo dei ciottoli intorno ai cactus. Sarà una graziosa composizione.
 I fiori hanno sete. - Presto, bisogna innaffiarli - dice Silvia.
 Com'è bello innaffiare i fiori! Sembra che parlino.
 - Non mi dimenticare, - dice il non-ti-scordar-di-me.
 - Grazie, grazie, - soggiunge la malvarosa.
 Sono così graziosi i fiori con la rugiada del mattino. Le viole del pensiero sembrano guardare con i loro occhi vellutati. La margherita, regina dei fiori, dice "Bongiorno, bongiorno" in punta dei piedi. "Coglimi, coglimi" sussurra la fucsia. Sì, il giardino di Silvia è proprio meraviglioso.
 - Bravi! - ha detto il papà - avete lavorato bene. Eccovi una ricompensa.
 E sapete cosa ha regalato a Silvia ed al suo fratellino Roberto? Una tartarughina di nome...
 - A proposito, come la chiameremo?
 - La chiameremo Grigina - propone Silvia. - E quando sarà grande, potrà passeggiare dappertutto con noi nel giardino.